COVID-19 – La sintesi del Decreto Rilancio con tutte le misure per imprese e lavoratori
22 Maggio 2020

COVID-19 – La sintesi del Decreto Rilancio con tutte le misure per imprese e lavoratori

Contabilità e TributiCredito alle ImpresePaghe e PersonalePatronato INAPA...

Il cosiddetto “Decreto Rilancio”, dopo l’annuncio in conferenza stampa del 13 maggio, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio.

Il Decreto contiene un’ampia serie di interventi destinati al sostegno delle imprese, dei lavoratori e delle famiglie, per le conseguenze provocate dalle misure di contenimento dell’epidemia da Covid-19, in particolare sul fonte economico.

Il decreto fa sintesi tra gli interventi disposti con i precedenti Decreti “Cura Italia” e “Liquidità” e le nuove misure di sostegno.

Per offrire uno strumento di comprensione il più semplice possibile, rispetto ad un provvedimento legislativo fin troppo ampio, che oltretutto, lo ricordiamo, dovrà ora passare dal Parlamento per la sua eventuale modifica, Confartigianato Imprese Verona propone un documento di sintesi suddiviso per aree di intervento.

Per le piccole imprese possiamo anticipare essere previsti i seguenti interventi, cumulabili tra loro:

  • lo spostamento dei versamenti di tributi e contributi dalla originaria scadenza di marzo, aprile, maggio al settembre p.v.; 
  • la copertura di ulteriori 5+4 settimane di sospensione dal lavoro per i dipendenti con quasi un miliardo di dotazione a FSBA; 
  • l’indennità per i lavoratori autonomi anche per il mese di aprile;
  • contributi a fondo perduto per il ristoro della perdita di fatturato del mese di aprile; 
  • un parziale rimborso dei costi di affitto degli immobili strumentali per i mesi di marzo, aprile, maggio; 
  • una riduzione del costo della bolletta elettrica per i mesi di marzo, aprile, maggio; 
  • un parziale rimborso per i costi sostenuti per la sicurezza in azienda; 
  • l’esenzione del versamento IRAP per il saldo 2019 e il primo acconto 2020.
  • l’innalzamento al 110% degli incentivi per ecobonus e sismabonus, con la novità del credito d’imposta cedibile ad altri soggetti, comprese banche e assicurazioni. Inacettabile, però, per Confartigianato, lo sconto in fattura direttamente a carico delle imprese che verrebbero penalizzate rispetto alle aziende di grandi dimensioni e più strutturate finanziariamente.

“Il Decreto Rilancio – commenta il Presidente di Confartigianato Imprese Verona Roberto Iraci Sareri – contiene una vasta serie di misure che corrispondono ai filoni di intervento sollecitati da Confartigianato fin dai primi giorni di marzo. Si dà sostegno a imprese, lavoratori, famiglie per far fronte ai danni molto gravi provocati dalle chiusure delle attività per contenere l’epidemia da Covid19. Vi è però la necessità che l’efficacia dei provvedimenti non venga compromessa dai tempi lunghi di erogazione e dalle complessità burocratiche che hanno ridotto l’efficacia dei precedenti interventi, in particolare sulla liquidità”.

A seguire la sintesi suddivisa per aree tematiche (cliccare sui singoli blocchi), raggruppate anche nel documento complessivo SCARICABILE CLICCANDO QUI

Confartigianato Imprese Verona è a disposizione degli Associati per qualsiasi informazione: CLICCA QUI

ALTRE NOTIZIE INTERESSANTI