eugenio-moro
19 Lug 2016

CONFARTIGIANATO VENETO – Conclusa la “maratona elettorale”: dieci i veronesi coinvolti

Si è conclusa nella serata di lunedì 18 luglio la “maratona elettorale” per il rinnovo dei vertici di categoria e di mestiere della Confartigianato del Veneto, con Verona che si aggiudica una presidenza di federazione, tre presidenze di mestiere e sette vicepresidenze.

Una vera e propria maratona a tappe forzate che ha visto rinnovare, a tempo di record, 12 federazioni, i 52 mestieri che le compongono ed il Gruppo Giovani Imprenditori. Molte le novità di questa tornata che ha visto eleggere i presidenti di mestiere in base al nuovo regolamento nazionale delle categorie, recepito dalla Confartigianato Imprese Veneto nell’ultimo consiglio Generale. I direttivi così costituiti resteranno in carica per i prossimi 4 anni sino al 2020.

Ben 8 su 12 le new entry alla guida delle Federazioni di cui due donne: Maria Teresa Maroso all’Artistico, Tiziana Chiorboli al Benessere, Cristian Veller alla Comunicazione, Bruno Mazzariol al Legno e Arredo, Giuliano Secco alla Moda, Dario Dalla Costa agli Impianti, il veronese Eugenio Moro (nella foto) ai Servizi e Terziario, Federico Boin per la Meccanica. I confermati al secondo mandato invece sono Paolo Bassani all’Edilizia, Nazzareno Ortoncelli ai Trasporti, Christian Malinverni per l’Alimentazione e Silvano Fogarollo per l’Autoriparazione. Per il Gruppo Giovani il nuovo Presidente regionale è Andrea Bernardi. Novità importante per questo mandato è stata l’elezione anche dei Vice Presidenti che affiancheranno nel loro lavoro i presidenti.

Un grande augurio a tutti arriva dal Presidente della Confartigianato Imprese del Veneto, Luigi Curto: “Buon lavoro a tutti i 221 dirigenti artigiani che compongono il complesso sistema di rappresentanza sindacale delle categorie. Ed in particolar modo ai moltissimi colleghi alla loro prima esperienza che – prosegue Curto – sono certo sapranno portare una ventata di novità e gioventù”.

Eugenio Moro, calzolaio di San Giovanni Lupatoto, oltre alla presidenza della categoria Servizi e Terziario, è stato, per l’appunto, eletto anche come presidente dei Calzolai regionali. Sempre per i mestieri, a Diego Brunelli, di Grezzana, è andata la presidenza dei Frigoristi, mentre Giovanni Mauro Beccherle, di Pescantina, è stato confermato presidente degli Autobus Operator e Servizi Turistici.

Nutrita la schiera delle vicepresidenze scaligere: Giancarlo Molinaroli di Grezzana (Marmisti), Pietro Paolo Fattori di San Bonifacio (Pittori), Maria Bona Mancon di Verona (Abbigliamento), Maurizio Leoni di Verona (Antennisti), Luciano Bighellini di Isola della Scala (Bruciatoristi), Luca Comini di Valeggio sul Mincio (Elettricisti), Giampietro Mozzo di Verona (Carpenteria Meccanica).

“I 52 Gruppi di Mestiere, i gruppi sociali e soprattutto le 12 Federazioni – spiega Andrea Bissoli, Presidente di Confartigianato Verona -, saranno ora chiamati ad elaborare le strategie politico-economico-sindacali e di accompagnamento al mercato delle imprese associate per i prossimi quattro anni. Auguro buon lavoro ai colleghi, auspicando che possano contribuire al processo di rinnovamento e crescita che le Associazioni e Confederazioni di categoria devono affrontare, seguendo o anticipando i mutamenti che le imprese e il modo di fare impresa subiscono ciclicamente”.