giovane
26 Gen 2016

CONTRIBUTI – Bando CCIAA innovazione tecnologica. Consulenza, domande e invio telematico: ci pensiamo noi! Affrettati!

Come già anticipato (clicca per la notizia), la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Verona destina la somma di € 1.800.000,00 per favorire gli investimenti nel campo dell’Innovazione Tecnologica da parte delle Piccole e Medie Imprese PMI veronesi.

A ciascuna delle imprese che presenti le caratteristiche indicate nel Regolamento sarà concessa, a titolo di contributo, una somma rispettivamente pari al 18% e al 9%, a seconda che si tratti di micro e piccola impresa (18%) o media impresa (9%), delle spese (IVA esclusa) relative all’attuazione di una o più iniziative con un massimo di € 12.000,00 per impresa, o di € 13.500,00 qualora l’impresa richiedente risponda ai criteri di impresa giovanile o femminile o qualora risulti iscritta nell’elenco di cui all’art.8 del Regolamento del “Rating di Legalità”.

Ciascun progetto preso in considerazione, per ottenere il contributo camerale, non potrà essere complessivamente di valore inferiore a € 7.000,00 al netto di IVA. 

Sono esclusi gli investimenti effettuati in leasing e in altre forme assimilabili al contratto di locazione.

Sono esclusi gli investimenti in beni usati.

Invio delle domande di contributo: dal 16 al 23 marzo 2016
esclusivamente con modalità telematica

per spese fatturate e quietanzate a partire dal 24 marzo 2016 fino al 28 febbraio 2017


SERVIZIO PER GLI ASSOCIATI

L’invio della domanda di contributo può essere delegato ad un intermediario abilitato all’invio delle pratiche telematiche.

Confartigianato Verona e UPA Servizi Srl rimangono a disposizione delle imprese associate per consulenza e assistenza nella predisposizione della domanda di contributo e per l’invio telematico della stessa.

Si precisa che per rispondere al meglio alle richieste di assistenza nella predisposizione della domanda di contributo i nostri uffici hanno la necessità di raccogliere la relativa documentazione 

ENTRO E NON OLTRE VENERDÌ 4 MARZO 2016 

Dopo tale data non sarà possibile garantire il servizio di assistenza nella predisposizione della domanda di contributo; si invitano per tanto gli interessati a contattare con anticipo l’Ufficio Sviluppo 045 9211555 per fissare un appuntamento.


Possono richiedere il contributo le imprese:

>> aventi sede legale e/o unità locali produttive in provincia di Verona;

>> che realizzino, nella provincia di Verona, iniziative rivolte a:

  • a) inserimento di metodologie di progettazione automatica collegata col processo produttivo (CAD);
  • b) inserimento di tecniche di automazione di fabbrica supportate da elaboratore (CAM);
  • c) inserimento di metodologie di controllo globale della qualità del prodotto;
  • d) inserimento di nuove tecnologie all’interno di processi o prodotti tradizionali tecnologicamente maturi;
  • e) rinnovo per l’ ammodernamento di macchinari ed impianti tecnologici con esclusione degli impianti previsti dall’articolo 1 del D.M. 37/08;
  • f) inserimento di sistemi informatici e di telecomunicazione innovativi, esclusa la creazione di siti Internet e l’ applicazione della normativa sulla privacy;
  • g) installazione di sistemi antifurto, antirapina (compresi centraline, sensori volumetrici, dispositivi di protezione perimetrale e telecamere di videosorveglianza), collegati ad istituti di vigilanza o a forze dell’ordine – tali investimenti non sono soggetti all’esclusione di cui all’art. 1 del citato D.M. 37/08;
  • h) installazione di impianti idrosanitari nonché di trasporto, di trattamento, di uso, di accumulo e di consumo di acqua all’interno degli edifici a partire dal punto di consegna dell’acqua fornita dall’ente distributore – tali investimenti saranno ammissibili a contributo esclusivamente per le imprese identificate dai codici ATECO 2007 n.56.1 (ristoranti e attività di ristorazione) e n.56.3 (bar) – tali investimenti non sono soggetti all’esclusione di cui all’art.1 del citato D.M. 37/08

Sono altresì ammissibili le spese ai fini dell’installazione e configurazione dei macchinari e/o software, e i costi direttamente imputabili alla realizzazione dell’investimento.

IL TESTO DI QUESTA COMUNICAZIONE E’ ORIENTATIVO AI FINI DELLA NOTIZIA; PER VEDERE IL REGOLAMENTO COMPLETO clicca qui.

Per informazioni:

Allegato

>> Circolare completa