donna-lavoro

INCENTIVI – Nuove imprese artigiane, da Invitalia incentivi a tasso zero. Artigiancassa lancia un prodotto dedicato

Dal 13 gennaio è possibile inoltrare la domanda per accedere ai nuovi incentivi per l’autoimprenditorialità previsti dal piano “Nuove imprese a tasso zero”, dedicati a under 35 e donne di tutte le età che vogliono avviare, o che hanno appena avviato una micro o piccola impresa.

Il ventaglio dei settori incentivabili è molto ampio, va dall’artigianato alla fornitura di beni e servizi a imprese e persone, dalla produzione di beni in industria alla trasformazione dei prodotti agricoli, fino al commercio. Altrettanto ampia è l’entità del finanziamento che può arrivare fino a un massimo di un milione e mezzo di euro.

Il programma del Ministero dello Sviluppo Economico ha una dotazione iniziale di 50 milioni di euro, che potrà essere incrementata.

La domanda va presentata solo online sul sito www.invitalia.it. Chi è interessato a chiedere gli incentivi deve quindi registrarsi, entrare nell’area riservata web per compilare la domanda, caricare il piano di impresa e la documentazione richiesta.

Le domande vengono esaminate in base all’ordine cronologico di arrivo, fino a esaurimento dei fondi. Quindi, prima si invia il progetto, maggiori sono le possibilità di ottenere il finanziamento.

Conviene fare presto. Lo conferma quanto è accaduto il 13 gennaio, primo giorno utile per inviare la domanda. A causa dell’elevato numero di accessi, definito ‘sorprendente’ da Inviatalia, l’Agenzia dello Sviluppo Economico che gestisce la procedura, la piattaforma web è andata tilt e al posto della mascherina per effettuare il login è comparso un avviso che comunicava il blocco del servizio, ripristinato nel pomeriggio.

Tornando al prestito, l’agevolazione è concessa nei limiti del regolamento de minimis e consiste in un finanziamento agevolato senza interessi da restituire entro 8 anni, che può coprire sino al 75% delle spese totali.

Artigiancassa, l’istituto di credito partecipato da Confartigianato, che il primo febbraio presenterà ufficialmente il nuovo piano industriale 2016-2020 nel corso di un evento che si svolgerà a Roma, ha predisposto un prodotto ad hoc per la copertura del restante 25% del programma d’investimento.

L’importo massimo erogabile è di 300 mila euro, restituibili in 7 anni, finalizzati all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, brevetti, licenze. E ancora, marchi, tecnologie, fabbricati, spese di consulenza e formazione.

Il nuovo prodotto sarà a breve disponibile sull’applicazione web di Artigiancassa.