giotto

ARTIGIANATO & SCUOLA – Facciamo un’impresa! Conclusa la “School and Business Competition”. Bravi ragazzi e grazie alle imprese!

Il 28 settembre scorso, alla Fiera di Vicenza, si è tenuto l’evento conclusivo dell’edizione 2018 del progetto Giotto a Bottega da Cimabue, in cui gli studenti degli 11 progetti finanziati – 5 dei quali afferenti al sistema Confartigianato – hanno presentato al pubblico le idee di impresa in quella che è stata chiamata School and Business Competition, suddivise in cinque aree tematiche: sviluppo sostenibile, transizione digitale soft, transizione digitale hard, turismo e ristorazione, Made in Italy.

Quasi 600 le persone presenti all’evento, tra imprese, operatori degli enti e delle associazioni, studenti e insegnanti.

Cinque i progetti vincenti, uno per ogni area tematica, di cui due nati dal sistema Confartigianato: per l’area “Made in Italy” l’idea d’impresa “Rompicapo – Felpa con cappuccio con possibilità di personalizzazioni” del progetto di Upa Formazione, che ha coinvolto il Liceo Scientifico Leon Battista Alberti, l’Istituto Tecnico Ruzza (Indirizzo Moda) e il Centro di Formazione Professionale Camerini Rossi Irpea (Indirizzo Tecnico Multimediale); per l’area “Turismo e ristorazione” ha vinto l’albergo diffuso “Cà Rega” del progetto dell’Istituto Veneto per il Lavoro, che ha coinvolto l’Isiss Da Collo di Conegliano; l’Ipssar Beltrame e il Liceo Artistico Munari di Vittorio Veneto.

Grande soddisfazione per l’accesso in finale da parte dei tre Istituti veronesi, l’Istituto Superiore Statale Carlo Anti di Villafranca, il centro Scaligera Formazione di Verona e il Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei sempre di Verona.

Le idee d’impresa sono state valutate da due giurie: una tecnica formata dai business coach che, visionando i business plan, hanno espresso il loro parere in merito alla sostenibilità economica del progetto e alla sua completezza ed una composta da aziende, che hanno espresso il loro parere sulla base dell’efficacia comunicativa della presentazione e del grado di innovazione e potenzialità di inserimento nel mercato dell’idea d’impresa.

“Il successo dell’iniziativa e i risultati raggiunti – ha affermato il Presidente regionale del Gruppo Giovani di Confartigianato Imprese Veneto Andrea Bernardi – sono merito del grande lavoro svolto da parte degli operatori, degli insegnanti e degli studenti coinvolti, e alla grande disponibilità delle aziende che hanno contribuito a realizzare numerose attività di incontro e scambio con gli studenti, accrescendo in loro la conoscenza del mondo imprenditoriale e avvicinandoli alla realtà del fare impresa”.

Un grazie particolare a tutte le aziende che hanno collaborato nel corso dei lavori ed in particolare a quelle che hanno attivamente partecipato sostenendo gli studenti o partecipando come giudici durante la competizione. Per il progetto di UPA Servizi Verona: Giorgia Speri di Carrozzeria Styling, Simone Lonardi dell’omonima ditta Simone Lonardi, Andrea De Guidi di 3P Service, Faustino Perri di Campi Antincendi S.r.l., Gabriele Garmilli di Garmilli Fabbrotecnica.

I progetti, afferenti alla Dgr n. 649 del 08/05/2017, sono cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Veneto e sono stati selezionati nel quadro del Programma Operativo cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, sulla base dei criteri di valutazione approvati dal Comitato di sorveglianza del Programma.

L’iniziativa è alla seconda edizione, la prima è stata realizzata nel corso dell’anno scolastico 2014/2015, sempre sostenuta dal Gruppo Giovani Imprenditori, dove sono stati realizzati 6 progetti di educazione all’imprenditorialità. A seguito del successo ottenuto, la Regione Veneto ha pubblicato questo nuovo bando, che ha visto l’approvazione di 5 nuovi progetti per il sistema Confartigianato che hanno coinvolto ciascuno 45 studenti che, lavorando insieme al di fuori dell’orario scolastico, in gruppi misti composti da 15 allievi ciascuno (5 studenti di Liceo, 5 di Istituto Tecnico e 5 di Istituto Professionale), per un totale di 15 scuole e 225 allievi, hanno perseguito l’obiettivo di dare vita a 15 idee d’impresa totali. Gli studenti, accompagnati da docenti e consulenti esperti quali il Dream Coach per la nascita dell’idea di impresa e il Business Coach per la creazione del Business Plan, sostenuti ed incoraggiati dagli insegnanti delle scuole aderenti, hanno avuto modo di conoscere il mondo dell’impresa attraverso visite aziendali, interviste agli imprenditori, testimonianze di successo e laboratori in azienda, avendo l’opportunità di sperimentare sul campo il significato dell’essere imprenditore.

Gli obiettivi raggiunti dall’iniziativa sono stati: incentivare l’acquisizione di competenze imprenditoriali e trasversali negli studenti per favorire una sempre maggiore aderenza dei sistemi di istruzione e formazione alle esigenze del mercato del lavoro; offrire agli studenti competenze chiave di imprenditorialità, attraverso la realizzazione di interventi formativi basati su tematiche interdisciplinari e metodologie innovative ed esperenziali, al fine di sviluppare nei giovani capacità imprenditoriali e un modo di pensare innovativo e creativo, sostenendo la nascita di idee d’impresa; diffondere tra i docenti e gli operatori della scuola una maggiore sensibilità verso le tematiche del fare impresa e dell’educazione all’imprenditorialità.

Con i progetti “Facciamo un’Impresa!” è stato quindi dato valore all’educazione all’imprenditorialità, intesa come formazione di una mentalità e di un comportamento proattivo.

X