bando-impres-femm

DONNE – Contributi per imprese a prevalente partecipazione femminile: il 9 ottobre incontro presentazione servizio assistenza. Iscriviti

Bando della Regione Veneto finalizzato a sostenere, con un contributo economico, le piccole e medie imprese (PMI) a prevalente partecipazione femminile. Su tale interessante opportunità, Confartigianato Verona ha avviato un servizio di informazione, consulenza e assistenza, che verrà presentato alle imprese interessate nel corso di un incontro in programma

LUNEDI’ 9 OTTOBRE 2017

ORE 12

Sede Confartigianato Verona, via Selenia, 16 (Quartiere Sacra Famiglia)

Per partecipare all’incontro è necessaria la pre-adesione, da inviare entro venerdì 6 ottobre. Partecipazione gratuita, fino ad esaurimento dei posti.

PER ISCRIVERTI

CLICCA QUI

ALLEGATI

Bando per l’erogazione di contributi alle PMI
a prevalente partecipazione femminile

SCHEDA INFORMATIVA

Destinatari

Micro, piccole e medie imprese (PMI) dei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi che rientrano in una delle seguenti tipologie:

1) imprese individuali di cui sono titolari donne residenti nel Veneto da almeno due anni;

2) società anche di tipo cooperativo i cui soci e organi di amministrazione sono costituiti per almeno due terzi da donne residenti nel Veneto da almeno due anni e nelle quali il capitale sociale è almeno il 51% di proprietà di donne.

Tali requisiti devono:

a) sussistere al momento della costituzione dell’impresa, se si tratta di nuova impresa;

b) sussistere da almeno sei mesi prima della data di apertura dei termini per la presentazione della domanda (dal 07/05/2017), se si tratta di impresa già esistente;

c) permanere dopo la presentazione della domanda sino al termine di tre anni successivi alla data del decreto di erogazione del contributo.

Oggetto 

Spese relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

a) macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature ed arredi nuovi di fabbrica;

b) spese di progettazione, direzione lavori e collaudo connesse alle opere edili/murarie di cui alla lettera d) nel limite massimo di euro 3.000,00 soltanto per la parte relativa al compenso del professionista;

c) mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, a esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture nel limite massimo di euro 20.000,00;

d) opere edili/murarie (ricadenti negli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di ristrutturazione edilizia “leggera”), di impiantistica strettamente necessarie alla funzionalità dei macchinari acquistati e dei nuovi impianti produttivi comprese le spese di progettazione, direzioni lavori e collaudo connesse alle opere edili e le spese per impianti elettrici, antintrusione, idrico-sanitari, di riscaldamento e climatizzazione (escluso impianto fotovoltaico) nel limite massimo del 40% delle voci di spesa ammesse di cui alle lettere a), b) e c);

e) programmi informatici nel limite massimo del 10% delle voci di spesa ammesse di cui alle lettere a), b) e c).

Localizzazione 

1) Gli interventi devono essere realizzati nel territorio della Regione del Veneto.

2) La localizzazione dell’intervento deve essere individuata in fase di presentazione della domanda

Requisiti 

L’impresa al momento della presentazione della domanda deve possedere i seguenti requisiti:

a) essere regolarmente iscritta come “Attiva” al Registro delle Imprese e, nel caso di imprese artigiane, all’A.I.A. alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda;

b) esercitare un’attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati nell’allegato B del Bando (VEDI);

c) avere l’unità operativa in cui realizza l’intervento in Veneto. La predetta localizzazione deve risultare da visura camerale;

d) essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposta a procedure concorsuali in corso o aperte nei suoi confronti antecedentemente la data di presentazione della domanda;

e) osservare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia previdenziale, assistenziale e assicurativa, di sicurezza sui luoghi di lavoro, di contratti collettivi di lavoro, di inserimento dei disabili, di pari opportunità tra uomo e donna, edilizia, urbanistica e di tutela ambientale.

Le spese relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle categorie elencate precedentemente devono essere sostenute e pagate interamente dalle PMI a partire dal 01 gennaio 2017 e entro la data di presentazione della domanda.

Soglie e intensità del sostegno 

Contributo a fondo perduto pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile:

  • > nel limite massimo di euro 45.000,00 corrispondenti a una spese pari o superiore a euro 150.000;
  • nel limite minimo di euro 6.000,00 corrispondenti a una spesa pari a euro 20.000.

Non sono ammesse domande in cui l’investimento comporti spese ammissibili per un importo inferiore a euro 20.000 e spese inserite in fatture di importo imponibile inferiore ad euro 200.

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

Cumulo 

Le agevolazioni previste dal presente Bando sono cumulabili con aiuti di Stato concessi per gli stessi costi ammissibili o con aiuti di Stato relativi alla stessa misura di finanziamento se tale cumulo non comporta il superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevato fissati in un regolamento d’esenzione per categoria o in una decisione adottata dalla Commissione.

Salvo il rispetto dei limiti previsti dalle norme nazionali, è possibile il cumulo sulle stesse voci di spesa degli aiuti previsti dal presente bando con agevolazioni fiscali statali non costituenti aiuti di Stato in quanto applicabili alla generalità delle imprese e con agevolazioni di carattere finanziario.

Invio della domanda 

La domanda deve essere inoltrata alla Regione esclusivamente tramite PEC a partire dalle ore 10.00 di lunedì 06 novembre 2017 e fino alle ore 18.00 di giovedì 16 novembre 2017.

La domanda ed i relativi allegati devono essere firmati digitalmente dal rappresentante legale della PMI beneficiaria.

La domanda è soggetta al pagamento dell’imposta di bollo.

Note 

Una impresa può partecipare al presente Bando con una sola domanda di finanziamento.

Non sono ammissibili domande presentate da imprese controllate da soci controllanti imprese che, alla data di presentazione della domanda, svolgano un’attività analoga a quella cui si riferisce la domanda di agevolazione.

La partecipazione di un soggetto, sia in qualità di impresa individuale che in qualità di socio, a più domande di finanziamento comporterà la decadenza automatica delle domande presentate successivamente alla prima.

Finanziamento dell’operazione 

Eventuali finanziamenti possono essere intermediati da Consorzio Veneto Garanzie e gli investimenti possono essere assistiti da operazioni agevolate.

Informazioni 

Informazioni e approfondimenti: Lisa Filippi e Elena Savio T. 045 9211555 – credito@artigianiupa.vr.it