prestazioni welfare trasporto merci

TRASPORTO MERCI & LAVORO – Contratto Collettivo Regionale: informazioni operative sul versamento dell’elemento welfare

Il Contratto Collettivo Regionale di Lavoro del Trasporto Merci ha previsto l’erogazione, rispettivamente entro il mese di novembre 2019 e 2020, di strumenti di welfare del valore di € 196,00 per ognuno dei due anni previsti (art. 23 CCRL).

Il CCRL in oggetto specifica i lavoratori che maturano il diritto a tale erogazione, che sono: i dipendenti in forza rispettivamente al 1 gennaio 2019 e al 1 gennaio 2020 una volta superato il periodo di prova. Oltre agli assunti a tempo indeterminato (apprendisti compresi) il diritto al welfare matura anche per i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato.

In caso di cessazione del rapporto di lavoro durante l’anno, il valore di 196 euro sarà erogato in proporzione alla durata del rapporto di lavoro.

Le quote non sono proporzionabili per i lavoratori part-time.

Vista l’esiguità degli importi, sconsigliamo l’utilizzo di piattaforme informatiche, da qualche anno presenti sul mercato, per la gestione del welfare, considerato che comportano costi aggiuntivi per l’azienda, nonostante diano al lavoratore la possibilità di scegliere come spendere i 196 euro per gli anni 2019 e 2020.

L’adempimento contrattuale può essere espletato, nei confronti del dipendente, erogando dei buoni benzina la cui copia deve essere firmata dal lavoratore per ricevuta ed agganciando in amministrazione quel/quei voucher benzina al codice fiscale del lavoratore.

Il verbale di accordo integrativo del 18 dicembre 2018 ha precisato che tra gli strumenti di welfare va ricondotta anche la quota di adesione contrattuale a Fondi Negoziali della previdenza complementare dell’artigianato (ossia Solidarietà Veneto e Fonte).

Va detto che, mentre Solidarietà Veneto ha aggiornato lo Statuto introducendo l’iscrizione tramite la sola “quota di adesione” – cioè i 196 euro in parola – e quindi acquisisce dette quote anche quando si tratti di lavoratori non iscritti, Fonte ne ammette il versamento solo qualora i lavoratori siano già iscritti a quel fondo con il conferimento del TFR.

Quindi, le aziende del Trasporto Merci che decidessero di destinare i 196 euro a Solidarietà Veneto dovranno effettuare il versamento direttamente a Solidarietà Veneto sulle seguenti coordinate bancarie:

IT 42 D 03439 016 00 00000 1021784

Inviando una mail a: gestione@solidarietaveneto.it con allegato il file di Excel contenente alcuni dati dell’azienda ed i dati del lavoratore:

Azienda

  • Codice fiscale / Partiva Iva

Dipendente

  • cognome
  • nome
  • Codice fiscale
  • Indirizzo
  • localita’
  • provincia
  • CAP
  • data decorrenza
  • importo

Le sole aziende che non abbiano alcun dipendente già iscritto a Solidarietà Veneto, in occasione del primo versamento, dovranno inviare all’account gestione@solidarietaveneto.it il modulo “accensione del rapporto aziendale” reperibile nella sezione modulistica del sito www.solidarietaveneto.it (cliccare su moduli per aziende). Con questo modello vengono trasmessi gli altri dati dell’azienda (altrimenti non reperibili) e le informazioni sul contratto collettivo adottato.

X