orafi1

ORAFI – Sui “compro oro” importante chiarimento dell’OAM in merito ad adempimenti su avvio registro

A seguito della pubblicazione nella G.U. del 20 giugno 2017, del Decreto Legislativo 25 maggio 2017, n. 92 recante “Disposizioni per l’esercizio dell’attività di compro oro, in attuazione dell’art. 15, comma 2, lettera l), della legge 12 agosto 2016, n. 170”, l’organismo degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi (OAM), ha chiarito che sarà necessario attendere l’emanazione del decreto ministeriale previsto dalla normativa per poter avviare il Registro al quale dovranno iscriversi gli operatori “compro oro”.

Il Decreto Legislativo 92/2017, che entrerà in vigore il 5 luglio prossimo, prevede infatti una precisa tempistica: a partire dal 5 luglio 2017 decoreranno infatti i tre mesi entro i quali il Ministero dell’Economia e delle Finanze dovrà adottare un apposito decreto con le modalità di invio dei dati e di alimentazione del Registro. Una volta entrato in vigore il decreto ministeriale, l’OAM avrà a disposizione altri tre mesi per avviare la gestione del Registro. Per ulteriori approfondimento è possibile consultare il portale dell’Organismo: www.organismo-am.it.

“Finalmente è arrivato questo aggiornamento – afferma la Presidente regionale veneta degli orafi di Confartigianato Guglielmina Peretto -. Nei giorni scorsi, avevamo chiesto una linea di indirizzo comune in quanto le nostre imprese, a pochi giorni dall’entrata in vigore del decreto, non avevano notizie certe in merito all’applicazione degli adempimenti previsti dal provvedimento”.

Secondo la Presidente, “da questo momento la nostra azione dovrà essere indirizzata a valutare la possibilità di intervenire al più presto nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze al fine di prevedere una diversificazione degli adempimenti e una proporzionalità dei costi nella determinazione del contributo dovuto dagli iscritti al registro sulla base del volume d’affari derivante dall’attività specifica di compro oro. Sappiamo che dopo le nostre proposte di osservazioni al decreto ‘compro oro’, Confartigianato Nazionale sta predisponendo un documento che contiene i correttivi al provvedimento e una serie di proposte al Governo che sono sostanzialmente in linea con quanto da noi evidenziato. Sarà nostra cura informare le imprese associate non appena avremo notizie in merito alle nuove modalità operative”.