moca materiali a contatto con alimenti

MOCA – Partecipa alla Consultazione europea sulla normativa materiali e oggetti a contatto con alimenti (MOCA). In arrivo un incontro sul tema

Confartigianato Verona informa che è in fase di organizzazione, per lunedì 29 aprile 2019, uno specifico incontro tecnico informativo sulla normativa che disciplina i Materiali e Oggetti che entrano a Contatto con gli Alimenti (MOCA).

Per oggetto “MOCA” si intende (a solo titolo esemplificativo):

  • > metallo come posate, coltelli da lavoro;
  • > vetro come bicchieri e bottiglie;
  • > ceramica come piatti, tazze;
  • > legno come taglieri e contenitori;
  • > marmo come piani di lavoro;
  • > silicone come stampi e utensili;
  • > carta da incarto, sacchetti per il pane, scatole per la pizza;
  • > plastica o alluminio, come contenitori, imballaggi o bottigliette;
  • > etichette da apporre sugli alimenti;
  • > inchiostri usati per marchiare prodotti o vernici per la decorazione di oggetti “moca”;
  • > metalli e leghe come singoli componenti di impianti per produzione o lavorazione di alimenti;
  • > qualsiasi macchinario strumento per la produzione, lavorazione, trasformazione degli alimenti.

Nel corso dell’incontro saranno approfonditi quali sono gli adempimenti e le certificazioni necessarie ed obbligatorie, per un’impresa che opera nella “filiera MOCA”, per prevenire le eventuali sanzioni oppure per posizionarsi meglio nel proprio mercato.

Ciascuna impresa, a seconda della sua posizione all’interno di questa filiera, anche se marginale, è tenuta a rispettare determinati e precisi obblighi normativi che tutt’ora risultano non sempre di facile comprensione ed attuazione, motivo per cui si consiglia la presenza di tutti gli interessati.

In attesa di incontrarci lunedì 29 aprile 2019 vi informiamo che, vista la complessità della materia, la Commissione Europea ha recentemente avviato un’indagine conoscitiva per accertare il livello di consapevolezza delle imprese rispetto ai requisiti generali previsti dalla normativa “MOCA”, nonché il loro punto di vista sul suo funzionamento da un punto di vista operativo.

La rilevazione mira, tra le altre cose, a raccogliere informazioni da parte delle imprese stesse, utili nell’eventualità di una futura revisione della normativa, per renderla più allineata alle esigenze dei settori coinvolti, senza pregiudicarne lo spirito, che vuole garantire un elevato livello di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori.

Confartigianato Verona invita le imprese interessate a partecipare a questa importante fase di “aggiustamento delle norme” rispondendo al questionario predisposto dalla Commissione Europea entro e non oltre il 16 aprile 2019.

PER PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE EUROPEA SU PRINCIPI ED ORIENTAMENTI IN MATERIA DI LEGISLAZIONE SUI MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

CLICCA QUI

Per ogni informazione sul tema:

X