POR-FSE-addetto-legno
31 Dic 2018

LEGNO ARREDO – Percorso formativo gratuito per disoccupati: “Addetto alla lavorazione del legno”. Bosco: “Settore in ripresa, imprese tornano ad assumere”

Un corso totalmente gratuito per disoccupati o inoccupati con più di trent’anni interessati ad un futuro nel settore della lavorazione del legno. Lo promuove UPA Servizi Srl, la società di servizi di Confartigianato Verona, che apre la selezione a 10 partecipanti, nell’ambito del progetto Work Experience Professionalizzante, avviato con Decreto della Giunta Regionale n. 717/2018.

Il percorso formativo “Addetto alla lavorazione del legno” sarà strutturato in 120 ore di aula; 320 ore di stage; 12 ore di orientamento al ruolo/lavoro e 12 ore di accompagnamento al tirocinio.

La partecipazione è totalmente gratuita e per quanti non percepiscano alcun sostegno al reddito, sarà riconosciuta un’indennità di frequenza.

“I tempi sono molto stretti – sottolinea Valeria Bosco, Segretario di Confartigianato Verona e Direttore di UPA Servizi -: gli interessati dovranno farci pervenire, sia a mano presso la nostra sede sia via e-mail, la domanda di ammissione in carta semplice, assieme a curriculum vitae, copia del documento d’identità e dichiarazione di immediata disponibilità, entro l’8 gennaio 2019. L’ammissione al corso avverrà in base ad una graduatoria risultante dalla selezione effettuata da un’apposita commissione a partire dal 9 gennaio, mentre il corso prenderà il via dal 15 gennaio. Recapito domande, selezione e corso si svolgeranno in via Selenia, 16, a Verona, nella sede di Confartigianato”.

Il percorso punta alla formazione di una figura professionale in grado di svolgere attività relative alla realizzazione ed assemblaggio di componenti lignei (elementi di arredo, serramenti, prodotti di carpenteria, ecc.) in pezzi singoli o in serie, a supporto dei professionisti, nella fabbricazione e nel montaggio di prodotti semilavorati o finiti in legno.

“La scelta del percorso – spiega Bosco – è frutto di un’analisi approfondita condotta, nei mesi scorsi, interpellando un campione delle circa 600 imprese attive nel settore. E’ emerso che il 2017 ha segnato un consolidamento della ripresa del mercato interno, confermatasi anche nei primi nove mesi di quest’anno. I prodotti italiani continuano a soddisfare la maggior parte degli acquisti di mobili nel Veneto ed in Italia e i dati sull’andamento delle esportazioni di mobili, a settembre 2018, registrano una crescita delle esportazioni dell’1,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La filiera produttiva è riuscita ad innovare anche negli anni di crisi e, grazie a tale attitudine, oggi può dire di essersi lasciata il peggio alle spalle; le imprese hanno investito in tecnologia e sviluppo ed è anche grazie a questi investimenti che oggi si torna ad assumere”.

A causa delle ridotte dimensioni delle aziende e dell’elevata artigianalità delle produzioni, il fabbisogno di manodopera specializzata si associa ad una generale richiesta di flessibilità e polivalenza dei lavoratori che presuppone anche il possesso delle competenze necessarie per la realizzazione di lavorazioni più tradizionali. “Queste competenze – continua il Segretario di Confartigianato Verona – sono poco presenti sul mercato del lavoro provinciale che, nel settore legno e arredo, vede proporsi profili professionali con relativa bassa specializzazione e quindi poco appetibili per le imprese del settore; a dirlo sono le Agenzie per l’impiego di Verona e Legnago. Ecco dunque la volontà di offrire un’opportunità di crescita e lavoro concreto in favore di disoccupati che, grazie alla disponibilità delle imprese associate interpellate, potrebbero trovare subito una collocazione”.

Per informazioni ma soprattutto per inviare, entro l’8 gennaio, le domande di ammissione alla selezione, rivolgersi a UPA Servizi Srl, via Selenia, 16, Verona; tel. 0459211555, e-mail: progettazione@confartigianato.verona.it.

X