Confartigianato sale tasso occupazione recupera su stato pre crisi

LAVORO – Nel 2018 anche il Veneto recupera i livelli pre-crisi del tasso di occupazione: 66,6% (+0,2% rispetto al 2008)

Nel 2018 salgono a dieci le regioni e province autonome che sono uscite dal lungo tunnel della crisi, presentando un tasso di occupazione che ha recuperato i livelli pre-crisi. L’analisi, svolta dall’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese, confronta il valore del rapporto tra occupati e popolazione del 2018 con il massimo pre-crisi, in gran parte dei casi collocato tra il 2007 e il 2008.

Nel 2018 il tasso di occupazione nel Veneto risale al 66,6%, 0,2 punti in più rispetto al livello del 2008, in Sardegna arriva al 52,7%, in linea con il massimo del 2007 mentre nelle Marche sale al 64,7% – grazie al balzo di due punti e mezzo nel 2018 – collocandosi in linea con il valore del 2008 e solo un decimo di punto inferiore al livello del 2007.

tabella Confartigianato tasso occupazione rispetto situazione pre crisi
(Clicca per ingrandire)

 

Questi tre territori si aggiungono ai sette che già nel 2017 risultavano aver recuperato i livelli pre-crisi (Confartigianato, 2018): nel dettaglio la Provincia Autonoma di Bolzano migliora di 3,1 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 73,5%, la Provincia Autonoma di Trento migliora di 1,5 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 68,2%, la Toscana migliora di 1,3 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 66,5%, il Friuli-Venezia Giulia migliora di 1,1 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 66,3%, la Lombardia migliora di 0,8 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 67,7%, il Piemonte migliora di 0,7 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 65,9%, il Lazio migliora di 0,7 punti il tasso di occupazione del 2008 arrivando al 60,9%.

Le dieci regioni che hanno recuperato i livelli pre-crisi concentrano il 62,9% degli occupati totali, con una accentuazione del 68,6% degli occupati della manifattura.

Tra le altre regioni, in due casi il recupero è quasi completato: in Basilicata il tasso di occupazione è del 49,4%, di 0,2 punti inferiore al livello del 2008 e in Valle d’Aosta il tasso di occupazione è del 67,9%, di 0,3 punti inferiore al livello del 2007. Un ritardo inferiore od uguale al punto percentuale si rileva per Emilia-Romagna con -0,6 punti rispetto al 2007, Molise con -0,7 rispetto al 2008, Liguria con -0,7 punti rispetto al 2008, Abruzzo con -0,8 punti rispetto al 2008 e Puglia con -1,0 punti rispetto al 2007.

Forte ritardo, con gap del tasso di occupazione superiore ai due punti percentuali, in Umbria con -2,3 punti rispetto al 2008, Sicilia con -2,7 punti rispetto al massimo registrato nel 2006, antecedente di due anni al picco rilevato a livello nazionale. In coda due regioni che hanno visto la crisi del lavoro iniziare ben prima della “grande crisi”: la Campania registra un tasso di occupazione di 3,6 punti inferiore al livello del 2004 e la Calabria di 4,0 punti inferiore al livello del 2004. In queste due regioni, anche considerano i valori del tasso di occupazione più prossimi, relativi al 2007, il ritardo rimane di 2,0 punti per la Campania e di 2,7 punti per la Calabria.

X