raee-impianti-rifiuti

IMPIANTI – Scadenze: il 15 agosto in vigore nuova qualificazione dei rifiuti elettrici ed elettronici, con prodotti che prima non erano considerati RAEE

Il 15 agosto 2018 entrerà in vigore il cosiddetto open scope – RAEE, ovvero il “campo aperto” di applicazione del D. Lgs. 49/2014, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche così come previsto dalla direttiva 2012/19/UE.

Ne deriva che saranno qualificati, a fine vita, RAEE, tutta una serie di prodotti prima non considerati tali, come, ad esempio: cablaggi, chiavette usb, spine, morsettiere, prolunghe, contatori gas, citofoni, inverter, alimentatori, trasformatori, gruppi di continuità, impianti di sicurezza e videosorveglianza.

La normativa sulla gestione dei RAEE prevede per questi rifiuti la creazione di un sistema di gestione distinto dagli altri rifiuti (ritiro, trasporto, raccolta separata, trattamento) e sono potenzialmente interessati dalle novità anche le imprese della filiera degli impianti che nell’ambito della propria attività si trovano a “ritirare” dei RAEE.

Per tutti i dettagli è a disposizione dei soli associati a Confartigianato un manuale di approfondimento a cura del “Settore Ambiente ed Economia Circolare” confederale. Per richiederlo inviare una e-mail all’indirizzo gb.dalcastello@confartigianato.verona.it

X