fgas3
20 Gen 2017

IMPIANTI – F-gas: da gennaio 2017 la soglia per l’obbligo di controllo perdite e tenuta registri si misura in tonnellate di CO2 equivalenti

Confartigianato Verona comunica a tutti gli installatori di impianti operanti sugli impianti termici di climatizzazione invernale/estiva, condizionamento e refrigerazione con F-gas, che dal 1 gennaio 2017 è entrata pienamente in vigore la parte del Regolamento Europeo numero 517/2014 sugli F-gas ad effetto serra, relativa al controllo delle perdite ed alla tenuta del registro delle apparecchiature contenenti tali gas.

Si precisa che il Reg. UE sopracitato ha introdotto un nuovo parametro per stabilire la soglia di riferimento per l’obbligo di controllo delle perdite delle apparecchiature contenenti gas fluorurati, non basandosi più sul limite espresso in peso di F-gas contenuto nel circuito, ma considerando l’impatto ambientale espresso in tonnellate di CO2 equivalente (valore da determinare e variabile in base al tipo di F-gas considerato).

Per ammortizzare l’effetto di tale variazione, lo stesso regolamento aveva introdotto una deroga fino al 31 dicembre 2016, non assoggettando a controlli delle perdite le apparecchiature contenenti quantità di F-gas maggiore o uguale a 5 tonnellate equivalenti, ma con carica inferiore a 3 Kg (un caso tipico è quello del refrigerante R410A, che, con 2,40 Kg, supera le 5 tonnellate equivalenti).

Pertanto, dal 1 gennaio 2017 il limite non è più espresso in Kg di gas contenuto, ma in tonnellate di CO2 equivalenti e l’obbligo di verifica scatterà per le apparecchiature contenenti gas fluorurati a effetto serra in quantità pari o superiori a 5 tonnellate di CO2 equivalenti, 10 tonnellate se ermeticamente sigillate ed etichettate come tali, non più per il peso di F-gas contenuto effettivamente.

QUAL È E COME SI CALCOLA LA NUOVA SOGLIA MINIMA?

La soglia minima per assoggettare ai controlli obbligatori delle perdite ed all’obbligo del registro è “passata” dalle apparecchiature quali pompe di calore, climatizzatori ed altre macchine refrigeranti che contenevano almeno 3 Kg di F-gas, a quelle che contengono UN MINIMO DI 5 TONNELLATE DI CO2 EQUIVALENTI (10 tonnellate equivalenti se le apparecchiature sono etichettate come ermeticamente sigillate).

In merito alla modalità di calcolo della soglia, le tonnellate equivalenti sono determinate con questo semplice calcolo: moltiplicando la quantità di F-gas contenuta nel circuito, espressa in tonnellate, per il GWP (Global Warming Potential) del rispettivo F-gas (parametro pertanto variabile a seconda del tipo di gas considerato).

ESEMPIO DI CALCOLO DELLE TONNELLATE EQUIVALENTI DI CO2 (con nuovo reg. 517/2014) 

  • TIPO F – GAS: R410 A
  • GWP: 2088
  • Contenuto f-gas pari a: 2,39 kg = 0,00239 ton

Tonnellate equivalenti: (0,00239 x 2088) = 4,99 ton equivalenti 

A titolo esemplificativo riportiamo la seguente tabella con le soglie riferite ad alcuni degli F-gas più diffusi.

tabella-fgas2
Clicca per ingradire
LE PERIODICITA’ DEI CONTROLLI

Il Regolamento Europeo numero 517/2014 sugli F-gas, in merito al controllo perdite ed alla tenuta del registro, è entrato a regime completo dal 1 gennaio 2017, stabilendo nuove tempistiche per i controlli, che dovranno essere eseguiti come da tabella riepilogativa di seguito riportata:

tabella-fgas1
Clicca per ingrandire
DICHIARAZIONE ANNUALE GAS FLUORURATI (F-GAS)

Per quanto riguarda la dichiarazione annuale F-gas, da effettuarsi entro il 31 maggio di ogni anno, ricordiamo che la stessa deve essere effettuata dagli operatori per tutti gli impianti/apparecchiature dotati di registro F-gas (nota: per “operatore” si intende il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto qualora non abbia delegato ad una terza persona l’effettivo controllo sul funzionamento tecnico degli stessi).

Per ogni informazione di categoria:

Tel. 045 9211522, mirko.mazzo@artigianiupa.vr.it

PER APPRONFONDIMENTI 

Scaricare il testo completo del Regolamento n. 517/2014