revisioni1

CENTRI REVISIONE – Nuova richiesta di confronto con il Ministero dei Trasporti

Il Ministero dei Trasporti tace, ma i Revisori Auto di Anara Confartigianato Autoriparazione non si arrendono e tornano alla carica sollecitando un confronto con i rappresentanti del Dicastero sui temi delle tariffe e dell’attuazione della Direttiva europea sulle revisioni.

La richiesta di incontro, firmata da Confartigianato e da Cna e Casartigiani, è stata inviata ad Alberto Chiovelli, Capo Dipartimento per i Trasporti della Direzione Generale Motorizzazione del Ministero. La sollecitazione espressa dai vertici di Anara Confartigianato riguarda la necessità di concordare l’applicazione delle nuove norme europee, costruire regole più efficaci e maggiori controlli per potenziare qualità e professionalità dei centri di revisione, combattere abusivismo e concorrenza sleale, procedere alla revisione delle tariffe. Senza risposte a queste che Anara Confartigianato considera priorità, le imprese di revisione auto non saranno più in grado di assicurare la continuità del servizio, con il rischio di disagi per gli automobilisti.

ALLEGATO

Documento con richieste Centri di Revisione