estetiste
15 Gen 2016

ESTETISTE – Modificato l’elenco degli apparecchi elettromeccanici, in vigore dal 12 gennaio

L’elenco degli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetica è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 28 dicembre 2015 il decreto del Ministero dello Sviluppo economico n° 206 del 15 ottobre 2015.

Le modifiche contenute nel provvedimento, entrato in vigore il 12 gennaio, sono state individuate a seguito della Sentenza del Consiglio di Stato n. 01471/2014. Per effetto di questa Sentenza erano infatti decadute le limitazioni stabilite dal DM110/2011 relativamente alle apparecchiature di cui alla scheda 16 lett.c) (luce pulsata per fotodepilazione) ed alla scheda 21b (laser per la depilazione estetica). Era stata anche sancita l’illegittimità dell’esclusione dall’elenco delle apparecchiature degli “stimolatori a ultrasuoni a bassa frequenza per il trattamento della adiposità localizzata”.

Tra le novità del nuovo Decreto, segnaliamo in particolare le seguenti modifiche.
Per quanto riguarda in generale le schede che non sono state oggetto di rilievi da parte del Consiglio di Stato è stata effettuata una rivisitazione formale, con opportuno aggiornamento delle norme tecniche di riferimento.

Alla scheda n.12 (attrezzature per manicure e pedicure) è stata apportata la seguente modifica: l’esclusione dal corredo delle attrezzature delle sgorbie e l’inclusione di tronchesi e pinzette.

La scheda 13 (apparecchi per il trattamento di calore totale o parziale) ha invece meglio puntualizzato e definito le indicazioni relative a modalità di applicazione, di esercizio e cautele d’uso.

Nulla è cambiato sulla scheda 21b (laser per la depilazione estetica).

La scheda 16 lett.c, apparecchiatura elettronica ad impulsi luminosi per foto depilazione, contiene le seguenti modifiche: in luogo dei 10°C previsti per il raffreddamento della pelle è stato istituito un range che va dai 5°C ai 15°C, mentre le lunghezze d’onda emesse devono essere comprese tra 600 e 1.200 nanometri (in luogo dei 1100 precedentemente previsti).

Nella scheda n. 23, relativa al “Dermografo per micropigmentazione” si sottolineano le cautele d’uso e in particolare l’obbligo di formazione degli operatori: “Il trattamento deve essere effettuato da operatori estetici che abbiano ricevuto dal fabbricante o dal suo mandatario o da altro ente competente adeguata formazione, sia per gli aspetti di sicurezza (come richiamati dal manuale d’uso) sia per gli aspetti tecnici, igienici ed estetici dei trattamenti stessi. La formazione è certificata dal soggetto formatore per mezzo di una dichiarazione contenente le proprie generalità, le generalità di chi ha fruito della formazione, la durata in ore, l’argomento e le generalità dei docenti dei moduli formativi”.

ALLEGATO

Decreto n. 206/2015 con allegati 1 e 2 (PDF)