tromonto cpa

ARTIGIANATO – Dal 19 marzo addio alle Commissioni Provinciali per l’Artigianato

In data 3 marzo 2015 è stata pubblicata nel BUR n. 21 della Regione Veneto, la Legge Regionale n.2/2015 – “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi della Regione del Veneto derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea. Attuazione della direttiva 2006/123/CE, della direttiva 2013/37/UE e del regolamento 692/2011 (legge regionale europea 2014)”, che ha previsto l’abolizione delle Commissioni Provinciali per l’Artigianato.

La norma, che entra in vigore decorsi 15 gg. dalla data della pubblicazione, è dettata da disposizioni di semplificazione per quanto riguarda l’artigianato in conformità della direttiva europea n. 2006/123/CE del 12/12/2006

Le CPA saranno pertanto abolite a decorrere dal prossimo 19 marzo 2015. La modifica della Legge Regionale 31/12/1987 n. 67, che disciplina la materia dell’artigianato, prevede pertanto che le competenze delle soppresse CPA passeranno alle Camere di Commercio, fermo restando il mantenimento dell’Albo Artigiani e la relativa numerazione di iscrizione, nonché rimanendo inalterato il ruolo della competente Commissione Regionale per l’Artigianato.

La nuova Legge ha inoltre dato riconoscimento ufficiale, ovviamente sempre per quanto riguarda gli adempimenti artigiani, alle Agenzie per le Imprese, le quali potranno attestare la sussistenza dei requisiti necessari per l’iscrizione all’albo artigiani, nonché per la loro modifica o cancellazione, rilasciando apposita dichiarazione di conformità.

Si è già tenuto un primo incontro presso la Regione Veneto, alla presenza di tutte le Camere venete e delle Associazioni di Categoria artigiane, nel quale sono stati valutati i primi impatti operativi che potrà avere la prevista soppressione delle CPA, ma soprattutto per quanto riguarda tutti gli aspetti inerenti al ruolo che avranno le Agenzie per le Imprese in materia di adempimenti per le imprese artigiane.

A fronte delle varie domande poste sul tavolo, ovviamente le relative risposte potranno essere date solo con un’analisi completa della nuova normativa, che comporterà soprattutto una valutazione sugli impatti che ci saranno relativamente alle varie procedure informatiche/telematiche che verranno adottate dalle Agenzie per le Imprese.